Come si coltiva? LATTUGA

Come si coltiva? LATTUGA

La lattuga è una delle verdure più amate e utilizzate in tavola, ricca di vitamine, fibre e sali minerali. La coltivazione delle piantine di lattuga è molto diffusa negli orti, proprio grazie all’utilizzo costante in cucina e anche perché è semplice da curare.

Prima di dare il via alla vostra coltivazione di lattuga è necessario, come sempre, scegliere se partire dalla semina oppure dedicare le vostre cure a delle piante comprate in un vivaio. Ovviamente questa scelta dipende molto dalle vostre esigenze, dalla vostra passione e soprattutto dal tempo che potete dedicare al vostro orto domestico.

 

SEMINA: la semina delle piante di lattuga va effettuata all’incirca nel mese di Febbraio, preferibilmente in vasi larghi circa 50 centimetri e alti 25 centimetri. Il vaso va riempito con un mix di terreno e compost con alla base della ghiaia mista a sabbia, per garantire il drenaggio dell’acqua.

 

TRAPIANTO: nel caso abbiate scelto di comprare delle piantine in un vivaio potrete trapiantarle in vasi preparati con gli stessi elementi di cui abbiamo parlato nel passaggio dedicato alla semina.

 

COLTIVAZIONE: la coltivazione delle piantine di lattuga consiste nell’irrigare regolarmente il terreno, evitando la creazione di ristagni d’acqua. Le foglie non devono venire a contatto con l’acqua che, a causa dell’effetto lente, potrebbe bruciare la pianta. I vasi vanno posizionati in un luogo moderatamente soleggiato, la luce diretta del sole rischia di far seccare la piantina prematuramente. Durante il periodo invernale deve essere vostra cura coprire le piantine, soprattutto se c’è il rischio di gelate.

RACCOLTA: quando le foglie di lattuga avranno raggiunto le dimensioni sperate, tagliate a un’altezza di circa 3 centimetri dal colletto, così da lasciare che la pianta si rigeneri e cresca nuovamente.